cuore di maria editoriale novate

Contemplare insieme il volto di Cristo con il cuore di Maria

“Contemplare insieme il volto di Cristo con il cuore di Maria, nostra Madre, ci renderà ancora più uniti come famiglia spirituale.”
Papa Francesco

 

Impariamo da Maria ad ascoltare, a lasciarci amare da Dio, a essere coraggiosi, creatori di gioia e di relazioni.

 

Maria ci chiede di non fermare il nostro sguardo su di lei ma di guardare oltre: lei vuol essere un segno che rimanda ad altro, che rimanda a suo Figlio: “Fate quello che Egli vi dirà”. È lo stesso invito che fa a noi: fidatevi di Lui, ascoltatelo, obbedite alle sue parole.

 

Per questo, in questo “mese mariano”, guardiamo a Lei e ci scopriremo a guardare Lui.

 

Lasciamoci aiutare dalle poche parole di Maria che troviamo nei Vangeli. Sono poche, eppure in quelle parole sta nascosto il suo segreto: il segreto della sua vita, della sua fede, della sua gioia.

 

La più importante: “Eccomi!”.

 

Maria ha detto sì a Dio, si è fidata, si è lasciata amare, si è “arresa” a Lui, anche se le domande sono rimaste presenti nel suo cuore.
“Eccomi, sono la serva del Signore”:  la sua è un’affermazione non di umiltà ma di appartenenza.

 

“Maria ci dice che la fede è come l’amore. È accorgersi e scegliere di non appartenersi più. È prendere coscienza che non si è più felici senza l’altro. È camminare nella vita con l’altro. E più si appartiene a un altro, più ci si fida, più ci si dona e più si è felici. Anche con Dio, proprio come è capitato a Maria.”

 

In questo mese di maggio sosteniamoci reciprocamente con la preghiera a Maria: “Ave Maria”.

 

E come suggeriva Carlo Carretto:
Ora se mi ascoltate mettete in tasca il rosario.
Può darsi che passeranno anni prima che lo recitiate per benino.
Non importa, tenetelo vicino. Vi aiuterà.
Semmai, quando vi passa sotto le dita, dite solo “AVE MARIA”.

#SEGUICI SU INSTAGRAM